Muri Maestri e Pilastri: Caratteristiche e Vantaggi

muri maestriI muri maestri sono lo scheletro di una costruzione, sorreggono tutto il peso e impediscono il crollo di esso.
Possono essere usati diversi materiali per la loro costruzione, che abbinati insieme danno vita a varie tecniche.

I muri portanti, o più comunemente muri maestri, hanno il compito di sostenere e scaricare sulle fondamenta i pesi della struttura che le sovrasta. Devono essere in grado di sopportare le sollecitazioni dinamiche, come ad esempio le scosse sismiche e l’azione dei venti.

Possono essere realizzati in vari materiali: il più utilizzato è il cemento armato, ma esistono anche i muri portanti in tufo ad esempio.

Per questi motivi i muri maestri si distinguono in tramezzi, che suddividono gli interni, e tamponature, cioè i muri perimetrali che dividono l’interno con l’esterno.

Ovviamente, per poter essere in grado di sopportare tanto peso, devono avere uno spessore importante. Lo spessore va in proporzione al peso che devono sorreggere.
Il muro portante inoltre deve resistere agli agenti atmosferici, essere impermeabile ad acqua e aria, garantire isolamento termo-acustico ed essere resistente al fuoco.

Prima Linea è in grado di realizzare per voi muri maestri resistenti agli agenti atmosferici e al tempo, e di ristrutturarli attraverso i consolidamenti strutturali.

Muri Maestri: Muri Portanti Come Riconoscerli

Quando si è in fase di ristrutturazione è importante non forare o addirittura abbattere un muro portante, in quanto si comprometterà la stabilità dell’edificio. Ma come riconoscere i muri portanti?

Il modo migliore è chiedere il parere di un esperto, quindi di un ingegnere, un architetto o un geometra. Altra soluzione è quella di procurarsi una piantina catastale dell’abitazione, nella quale i muri maestri sono segnati con tratti diversi rispetto ai tramezzi.

Ancora, è possibile fare un piccolo esperimento acustico per capire se il muro in questione è portante o meno: se battete sulla parete e sentite un suono vuoto allora si tratta di un tramezzo, se invece sentite un suono sordo si tratta di un muro portante.

Potete inoltre misurare lo spessore della parete; i muri maestri infatti sono molto più spessi rispetto agli altri dell’abitazione.

Infine potete osservare dove sono le travi, queste infatti poggiano sui muri portanti; ultimo consiglio, generalmente i muri maestri si trovano al centro dell’abitazione.

Muri Maestri: Murature mono-materiale

A seconda delle tecniche e dei materiali utilizzati possiamo avere diverse murature. La muratura mono-materiale si ottiene sovrapponendo e legando con la malta vari strati dello stesso materiale, come pietra squadrata, blocchi in tufo, calcestruzzo e altro.

Muri Maestri: Murature in calcestruzzo

Sono murature mono materiali particolari. Si getta il calcestruzzo in una cassaforma dalle dimensione del muro che si intende realizzare. Se necessario, si annegheranno all’intmuri portanti come riconoscerli erno dei tondini di ferro per rendere il muro armato.

Muri Maestri: Murature miste

Si ottengono sovrapponendo e legando insieme vari strati di diversi materiali o mescolandoli insieme.

Muri Maestri: Murature a secco

Sono due parametri di mattoni paralleli e distanziati con l’intercapedine riempita di malta e pietrame.

 

Se avete intenzione di costruire una nuova casa o di ristrutturarla, e avete bisogno di un consiglio sui muri portanti, contattate Prima Linea. I nostri esperti sono a vostra disposizione per ogni dubbio o informazione!