Vano scala, elemento d grande importanza

Un buon vano scala è di fondamentale importanza per la buona riuscita di un progetto architettonico.

I lavori facenti riferimento ai vani scala rientrano tutti nella così detta detrazione 50% e che quindi sono spese detraibili e recuperabili nel tempo.

La costruzione di una vani scalavano scala ha degli obblighi e delle normative di riferimento da rispettare per quanto riguarda struttura e misure. Il numero dei gradini varia in base al dislivello ma di norma si dovrebbe predisporre un pianerottolo ogni 9-10 gradini.

Le porte di accesso alle scale si devono aprire in modo tale da non ridurre la larghezza del pianerottolo al di sotto della larghezza delle scale e sia i pianerottoli che le scale in senso stretto devono avere strutture portanti in cemento armato o in materiali che resistono comunque bene agli urti e al fuoco.

Il vano scala deve essere dotato di un corrimano di minimo 90 cm di altezza mentre lo spessore minimo della soletta per una scala in cemento armato è di 11 cm.

Il decreto ministeriale 16-05-1987, n. 246 punto 2.4 contiene le norme di sicurezza per la costruzione delle scale in edifici di civile abitazione e fornisce tutti i parametri di riferimento per il rispetto di tali norme.scale condominio

Lavori di ristrutturazione

Essendo di uso comune, il vano scala è soggetto a rovinio a causa del frequente uso che se ne fa, dalla sua esposizione parziale al clima esterno. Ricordiamoci, inoltre, che nel vano scala è presente anche un sistema di illuminazione anch’esso soggetto a manutenzione. Nel caso in cui si tratti di un edificio di nuova costruzione basterà rispettare e tener conto della normativa vigente in materia di progettazione del vano scala. Se invece dobbiamo operare una manutenzione o una ristrutturazione di un vano scale preesistente, gli scenari che ci si possono presentare sono molteplici. Analizziamoli uno per uno.

Tinteggiatura e manutenzioni pareti interne e soffitti del vano scala

Un’operazione del genere può rendersi necessaria o per rovinio delle pareti e scrostamento dell’intonaco o per rimediare a infiltrazioni d’acqua e macchie di umidità. In questi ultimi due casi, prima di procedere ai lavori di ristrutturazione occorrerà individuare la perdita, tamponarla e poi risanare la parte rovinata. Una volta fatto ciò si può passare agli altri lavori. Se il muro presenta un intonaco rovinato si renderà necessaria una rimozione dello stesso tramite rasatura prima e stuccatura poi. La rasatura serve a togliere tutte le imperfezioni e a livellare la superficie del muro per eliminare bozzi o avvallamenti. Nel caso in cui occorra stuccare per tappare buchi o crepe la rasatura avverrà solo a seguito di questa operazione. Successivamente si pulirà la parete con un panno umido per eliminare tutti i residui di polvere e poi si procederà con la preparazione del fondo. Essendo una zona di passaggio, non protetta dell’umidità esterna al pari delle mura domestiche, è bene preparare il fondo mediante applicazione di isolante acrilico ad alta penetrazione per preparare al meglio le superfici alla tinteggiatura. La fase di tinteggiatura vera e propria, invece, verrà eseguita con pittura lavabile traspirante (idropittura), minimo tre mani a coprire.

Manutenzione e restauro del corrimano corrimano

corrimaniLa normativa vigente in materia prevede che il corrimano si costruito con materiale non tagliente e di forma tale da permettere e garantire una presa facile e sicura. Deve essere posizionato a 90-1000 cm dal pianto di calpestio e vi deve essere la presenza di un secondo corrimano (a 75 cm da terra) nel caso in cui ci siano dei bambini nel palazzo. Se il vano scala è stato progettato a dovere, tutte queste condizioni risulteranno soddisfatte. Altrimenti, anche in fase di ristrutturazione o semplice manutenzione, si è tenuti a regolamentare le infrazioni. I corrimano che necessitano di maggiori attenzioni sono in genere quelli in legno avvitati alla guida metallica sottostante. Quest’ultima tende ad assodarsi e a lungo andare viene meno la tenuta delle viti di fissaggio che rendono il corrimano pericolante e non più in grado di garantire un’adeguata tenuta con gravi conseguenze per l’incolumità degli inquilini. L’ossidazione e la ruggini sono dei problemi molto frequenti anche nel caso di corrimani interamente costruiti in ferro. In questi casi prima si dovrà rimuovere la ruggine scartavetrandola e, prima di procedere alla tinteggiatura, ricoprire l’intero corrimano con un prodotto antiruggine protettivo.

Quanto costano i lavori per un vano scala

A riguardo occorre sempre distinguere tra palazzo di nuova costruzione e ristrutturazione di una vano scala preesistente; di quanti piani è il palazzo e del tipo di lavori necessari. Contattaci e richiedi un preventivo gratuito e senza impegno. Solo dopo un’attenta valutazione delle tue esigenze potremmo fare una stima preliminare dei costi per i lavori necessari.