Manutenzione dei balconi condominiali

balconeI balconi sono gli elementi strutturali di un condominio più soggetti al deterioramento in virtù della loro costante esposizione agli agenti atmosferici e allo smog. Operare una corretta e periodica manutenzione è davvero importante poiché il loro deterioramento, se non vengono messi adeguatamente in sicurezza, può creare dei seri danni ed essere molto pericoloso. Si pensi al distacco dell’intonaco di un balcone magari posto al terzo piano, o di elementi in muratura o di calcestruzzo con spigoli taglienti. Nella maggior parte dei casi si tratta di progettazioni preliminari che prevedono uno spessore totalmente insufficiente (ad esempio 10 cm) e che devono essere ripensate del tutto. Ricordiamoci che il distacco di una parte in muratura lascia scoperta la struttura armata che corrodendosi può far crollare l’intera struttura.

Esistono due tipi di balconi.
Balconi aggettanti: sono quelli che sporgono rispetto alla facciata dello stabile.
Balconi incassati: sono quelle terrazze che formano una rientranza nella facciata dell’edificio e sono solitamente chiuse su due o tre lati.

La distinzione fra queste due tipologie è molto importante per capire quali tipi di intervento sono necessari e come e fra chi devono essere ripartite le spese per la ristrutturazione.

balconi-condominialiUna tendenza molto comune, nel caso dei balconi incassati, è quello di verandarli. In questi casi i lavori di ristrutturazione diventano un po’ più complicati. Dato che la chiusura a veranda viene fatta per renderle dei veri e propri ambienti interni, in alcuni casi cucine o sale da pranzo, i lavori più richiesti sono quelli per la sostituzione della pavimentazione e delle lastre di marmo. In questa casi, diventa particolarmente complicato a causa della struttura metallica di alluminio e vetro sovrastante, non potendo la veranda essere smontata.

Nel caso di lastre di marmo perimetrali danneggiate o rovinate dal tempo le soluzioni possono essere molteplici:

  1. si può procedere con una taglio a filo della veranda dalla parte esterna della lastra di marmo rovinata e poi passare alla sua sostituzione ancorando la nuova lastra con tasselli a soletta in calcestruzzo armato. È molto importante sigillare alla perfezione le due parti della lastra per scongiurare il pericolo delle infiltrazioni d’acqua.
  2. si può sovrapporre una scossalina metallica fissata alla veranda per coprire la lastra di marmo danneggiata.
    sovrapporre una nuova lastra di marmo su quella danneggiata.

La prima soluzione è la più costosa poiché richiede il montaggio di un ponteggio per poter lavorare in sicurezza e raggiungere una posizione ottimale per portare avanti l’intervento. Un ponteggio non solo facilita di molto l’esecuzione dei lavori ma è anche una soluzione ottimale in termini di sicurezza poiché la rimozione di una lastra di marmo può provocare il distaccamento dell’intonaco.

Se parliamo di balcone aggettati invece, un intervento di manutenzione molto comune è quello riguardante il rifacimento della soletta in calcestruzzo armato spesso soggetta a corrosione dell’armatura inferiore e a fenomeni di spalling del calcestruzzo.

Costi per la ristrutturazione dei balconi: su chi gravano le spese e a quali detrazioni si può avere accesso

balconiCome abbiamo precedentemente accennato, è molto importante che la distinzione fra balcone aggettante e balcone incassato sia chiara per poter determinare gli oneri economici e su chi gravano in caso di ristrutturazione. Una volta chiarito l’assetto proprietario e la tipologia di balcone risulta anche più facile stabilire chi è il proprietario del balcone (inquilino o condominio) e operare una giusta ripartizione delle spese. Possiamo riassumere in questo modo:

  1. I balconi aggettanti costituiscono un prolungamento dell’unità immobiliare e appartengono in via esclusiva al proprietario di quest’ultima. Pertanto le spese di manutenzione saranno tutte a carico del proprietario ad eccezione di quelle riguardanti le parti decorative, laddove siano caratterizzanti della fisionomia dello stabile.
  2. Per quanto riguarda i balconi incassati incassati, invece, la soletta è di proprietà comune tra i proprietari cui serve rispettivamente da piano di calpestio o da copertura.

La nostra impresa edile, specializzata in ristrutturazioni condominiali da più di 10 anni esegue lavori di:

    • Demolizione della vecchia pavimentazione e del sottofondo.
    • Fornitura e posa in opera del massetto di sottofondo a base di sabbia e cemento, con adeguate pendenze.
    • Impermeabilizzazione del massetto.
    • Fornitura e posa in opera di correnti in marmo con fronte lucido e gocciolatoio.
    • Fornitura e posa in opera della nuova pavimentazione.
    • Rifacimento soletta e frontalino.
    • Rifacimento ringhiere.

Contatti subito per un preventivo gratuito e senza impegni. Verrai immediatamente ricontattato e valuteremo insieme la soluzione migliore per te.